venerdì 3 ottobre 2008

Ci si affaccia


Ci si affaccia davanti al proprio destino. Lo si guarda dritto. Invisibile, impalpabile, inafferrabile.

Gomiti sul davanzale, comodamente osservi, posizionato in quello spazio metafisico che ti mette in contatto con quello che sta dentro ed insieme fuori.

Ci si gode da un'ottica privilegiata la vita che avanza.

Ci si sporge in avanti, con cautela. Si prende in considerazione la tenera romantica idea di buttarsi giù, di finire in volo il proprio discorso.

Vediamo se la mia ora sta passando di qua, vediamo se mi riesce di riconoscerla!

Potrebbe essere in arrivo, ma non penso t'avvertirà quando sarà giunto il momento!

Non passano più a trovarci i momenti felici

No, è solo il tempo a passare adesso

1 commento:

Silvia ha detto...

Non ne sono troppo convinta. Restare affacciati al davanzale a guardare la vita scorrere è molto più facile (e meno utile) di scendere in strada e viverla. Idea romantica, questo sì.
E poi i sogni e i pensieri felici passano spesso a trovarmi, sono sicura che è lo stesso per te. è solo che a volte non si riconoscono.
un saluto :-)