venerdì 28 agosto 2009

Alla porta


...Mettiamoci alla porta, prima che qualcuno o qualcosa lo faccia di sua iniziativa e a nostro discapito.

Pre-vediamo, o meglio pre-veniamo.

Addoloriamoci prima che il fatto si compia.

Anticipiamo la sofferenza sgambettandola proprio in quello che è la sua arma più crudele e teatrale: l'effetto sorpresa.

Disponiamoci già lì, in attesa che ci vengano a dire che siamo stati parte interessata di un delitto di cui la vittima siamo noi stessi.

Optiamo per delusioni preventive.

Prendiamo i nostri abbagli e i nostri accorgimenti affinché nulla vada come progettato.

Dove sarebbe altrimenti il piacere della vita che ti scotta, sconvolgendo e sovvertendo la serenità dell'ordinato e ordinario calcolo statistico delle probabilità?


domenica 16 agosto 2009

Divieto d'accesso


Dove pensi d'entrare?!?

Qui, se non hai le credenziali, non hai modo d'avanzare!

Il mondo ha ancora i suoi circoli esclusivi, i suoi meccanismi di selezione, i suoi agenti che elargiscono, dall'alto e con sottaciuta parzialità, privilegi e colpi bassi.

Diciamo di calcare la stessa terra, ma poi non abbiamo la libertà delle pari opportunità.

I separatismi e le classificazioni prevalgono ancora sull'omogeneità e la complementarietà delle direzioni.

La sicurezza impone illusorie barriere, la clandestinità diventa reato, il passaggio in uno spazio-tempo torna delimitato regolamentato iper-controllato.

A sottoscrizione o ad inviti, a numero chiuso, l'accesso è una lama che taglia fuori chi non fa parte del giro, che non partecipa, chi non sa, non può, non vuole partecipare.


sabato 15 agosto 2009

Assunzioni


E in tempo di crisi,

nessuno protesta per questa assunzione in cielo di Maria,

con il ruolo di Madonna

e

con contratto a tempo non solo indeterminato

ma presumibilmente eterno?

lunedì 10 agosto 2009

E la testa dov'è?


Manca solo la testa.
Come se non fosse sempre così...

sabato 8 agosto 2009

In ogni posto, a questa ora


Siamo in disordine e procediamo per prove successive, per svolte pericolose verso curve non segnalate...


Non avremmo dovuto, non avremmo potuto...ma sì, diamoci il permesso, mettiamoci in mostra, esponiamoci ad ulteriori rischi.
Siamo come beviamo, vorremmo essere come sorridiamo.
Non aspettiamo ma sempre andiamo.
Pronti al brindisi, alla memoria di chi non c'è mai stato e di chi solo ora si è accomiatato.
Urliamo in alto come lupi, miriamo tanto lontano da non aver voglia di identificare il nostro desiderio.

Accomodati ed onora il tuo ruolo. Serviti. Servimi. In lungo e in largo, dove non c'è nessuno e dove sei tu nessuno.
In alto, appeso, pronto ad essere essiccato e poi degustato.
Qui, lì, dove puoi intravedere chi non si ricorda e chi vuole dimenticare.

E poi dove non sei mai stato, ovvero in ogni posto, a questa ora...


giovedì 6 agosto 2009

sabato 1 agosto 2009

Allenamenti per inadempienti

Pratiche quotidiane d'allenamento. D'allentamento. Di lento cedimento.

Esercizio fisico in quantità minima ed essenziale per gli scontenti e i delusi, gli annoiati e gli sconsolati.

Per quelli con le ali spezzate e quelli con le quotazioni deprezzate.

Per i non corrisposti e gli indisposti. Per chi s'aspettava quello che non poteva mai arrivare.

Per i dimissionari e i sopraffatti.

Per gli estraniati e per le anime alla deriva.

Per quelli che restano a guardare e per quelli che non vedono l'ora di fuggire.



Allargar le braccia

Alzar le spalle

Levare gli occhi al cielo

Piegarsi in due

Spezzarsi il cuore

Scuotere il capo

Sbuffare (soffiare aria lentamente fuori dalla bocca)

Sospirare

Aggrottare le sopracciglia

Mordersi le labbra